10 rimedi naturali contro l’insonnia e i consigli per dormire bene

Ultima modifica 29 Ottobre 2020

Vi è mai capitato di andare a letto stanchi, ma di non essere in grado di prendere sonno? Vi svegliate spesso durante la notte o magari aprite gli occhi molto prima della sveglia? Potreste avere l'insonnia!Routine serrata, ritmi di vita irregolari, ansia e preoccupazioni sono tutti fattori che possono influire pesantemente sulla qualità e sulla quantità del vostro sonno; in genere, agli adulti si raccomanda di dormire circa otto ore per notte, ma il fabbisogno di sonno può variare da persona a persona, e spesso si riduce col passare degli anni.

Se ultimamente avete notato qualche grave difficoltà nell'addormentarvi, non abbiate paura di rivolgervi a un medico qualificato che vi aiuterà a ripristinare una perfetta routine del sonno; se invece la vostra situazione non è preoccupante ma avete solo bisogno di un piccolo aiuto, ecco a voi dieci rimedi naturali per dormire meglio da provare subito.

  1. Niente caffè nel pomeriggio:

    Sembra scontato, eppure molte persone consumano caffè e bevande contenenti caffeina anche nelle tarde ore del pomeriggio, o peggio ancora dopo cena. La caffeina è una sostanza psicoattiva che può rimanere nel sangue per diverse ore, favorendo il rilascio di adrenalina e riducendo la sensazione di sonnolenza.

  2. Niente suoni:

    Un ambiente silenzioso può favorire il rilassamento, ma a volte si rischia di essere disturbati dai suoni ambientali o dai vicini di casa. Un paio di tappi per le orecchie o delle cuffie antirumore potrebbero esservi di grandissimo aiuto (a meno che non ne troviate l'utilizzo troppo scomodo). Niente luci: il buio completo riduce le distrazioni e impedisce al cervello di attivare troppo presto il meccanismo di risveglio. Se la conformazione delle vostre finestre permette alle luci esterne di filtrare in camera, considerate l'idea di usare una mascherina morbida per coprirvi gli occhi.

  3. Abbassa il termostato:

    Molte persone hanno difficoltà a dormire bene durante l'estate a causa del rialzo delle temperature. Per dormire al meglio, la camera da letto dovrebbe avere una temperatura intorno ai 18 gradi.

  4. Provate l'aromaterapia:

    Alcuni oli essenziali, in particolare quello di lavanda, possono favorire il rilassamento. Spargetene qualche goccia sulle lenzuola o sul cuscino poco prima di coricarvi.

  5. Sostituite lo smartphone con un bel libro:

    Le luci forti emesse da computer, tablet e smartphone non sono compatibili con una buona nottata di sonno: invece di navigare nei social network, provate a concentrarvi su un bel libro. Se proprio dovete usare il telefono, almeno assicuratevi di aver impostato i filtri contro le luci blu.

  6. Praticate la meditazione e lo yoga:

    Esistono molte posizioni di yoga pensate per sciogliere i muscoli prima di addormentarsi, così da indurre un rilassamento generale. Anche la meditazione può essere una valida alleata per allentare lo stress, purché praticata con regolarità.

  7. Assumete un integratore o una tisana:

    In farmacia si trovano molti integratori che non richiedono la prescrizione medica (che invece è necessaria per i sonniferi). Se invece preferite una bella tisana calda da incorporare nella routine serale, fatevi consigliare una miscela base di camomilla, valeriana, melissa e biancospino.

  8. Provate la melatonina:

    La melatonina è un ormone secreto dal cervello quando la luce solare inizia a venir meno. Può essere utile assumere melatonina poco prima di coricarsi se avete difficoltà a prendere sonno.

  9. Cambiate materasso e cuscino:

    Magari non avete davvero un problema con il sonno, forse vi sentite semplicemente scomodi; tutti i rimedi naturali per dormire che vi abbiamo suggerito non serviranno a nulla fin quando non avrete reso il vostro letto perfetto per i vostri gusti.  Un cuscino della giusta altezza e consistenza, che non sia troppo morbido o troppo rigido, vi aiuterà a trovare una posizione comoda per la testa. Allo stesso tempo, il miglior materasso per le vostre esigenze contribuirà al benessere della schiena e delle spalle.
    Se decidete di investire in un nuovo materasso, dovete prestare attenzione ai materiali e alle dimensioni. Per esempio, anche se dormite da soli potreste trovarvi più a vostro agio con un materasso a una piazza e mezzo, o magari con un materasso matrimoniale, in cui avrete più libertà di movimento. Se soffrite di allergie o asma, il materasso in lattice potrebbe essere la scelta migliore, mentre se siete soliti dormire sempre nella stessa posizione potreste preferire un materasso in memory foam. Nel caso dormiate con qualcuno, un materasso a molle (magari insacchettate) vi permetterà di non risentire troppo dei movimenti del vostro partner.

Ovviamente, ogni persona potrebbe reagire diversamente allo stesso stimolo: molte persone ansiose, per esempio, affermano di dormire sonni più tranquilli in compagnia dei propri animali domestici, mentre per altri è vero il contrario. Allo stesso tempo, anche il pigiama riscuote pareri contrastanti: c'è chi afferma di non poter dormire senza, mentre altri dormono di gran lunga meglio indossando solo la biancheria intima. Non vi resta che provare voi stessi cosa funziona meglio: buona sperimentazione, e… sogni d'oro!

      Guadagnaresalute : come perdere peso e sentirsi bene con se stessi